Sostenere l’avvio di nuove iniziative di autoimpiego e autoimprenditorialità: microimpresa, lavoro autonomo e società di professionisti. È questo l’obiettivo del fondo di rotazione SELFIEmployment.

Dal 22 febbraio 2021 è operativo il Nuovo SELFIEmployment che sostituisce la precedente versione della misura.  Il nuovo strumento del Ministero del Lavoro gestito da Invitalia Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e sviluppo d’impresa) nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, finanzia con prestiti a tasso zero – di importo compreso tra 5.000 e 50.000 euro e di durata massima di 7 anni – l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da NEET, donne inattive e disoccupati di lungo periodo, su tutto il territorio nazionale. I finanziamenti saranno erogati senza garanzie personali.

L’incentivo, rispetto al precedente, offre condizioni di accesso e fruizione delle agevolazioni più vantaggiose; i finanziamenti sono destinati ad avviare una piccola attività imprenditoriale su tutto il territorio nazionale e in qualsiasi settore, senza limiti di età, anche a donne inattive e disoccupati di lunga durata, oltre che ai Neet iscritti al programma Garanzia Giovani.

Invitalia che provvederà di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali alla predisposizione dei dispositivi attuativi, all’istruttoria dei business plan, all’erogazione del credito agevolato, alla gestione, controllo e monitoraggio della misura, renderà inoltre disponibili servizi di tutoraggio per le nuove iniziative ammesse al finanziamento.

Il Fondo avrà una dotazione finanziaria iniziale di 124 milioni di euro, di cui:
– 50 milioni conferiti dal Ministero del Lavoro;
– 74 milioni dalle Regioni Veneto, Emilia-Romagna, Lazio, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia.

 

L’incentivo è rivolto ai NEET, donne inattive e disoccupati di lunga durata con una forte attitudine al lavoro autonomo e all’imprenditorialità e che hanno voglia di mettersi in gioco.

Per poter accedere al finanziamento bisogna essere residenti nel territorio nazionale e appartenere a una delle seguenti categorie:

  • NEET (Not in Education, Employment or Training), vale a dire persone maggiorenni che al momento della presentazione della domanda: si sono iscritti al programma Garanzia Giovani entro il 29esimo anno di età, non sono impegnati in altre attività lavorative e in percorsi di studio o di formazione professionale;
  • donne inattive, vale a dire donne maggiorenni che al momento della presentazione della domanda non risultano essere occupate in altre attività lavorative;
  • disoccupati di lunga durata, vale a dire persone maggiorenni che al momento della presentazione della domanda: non risultano essere occupati in altre attività lavorative; hanno presentato da almeno 12 mesi una dichiarazione di disponibilità al lavoro (DID)

N.B. Le donne inattive e i disoccupati di lunga durata non necessitano di essere iscritti a Garanzia Giovani.

 

Possono chiedere i finanziamenti:

imprese individuali; società di persone; società cooperative/cooperative sociali, composte al massimo da 9 soci: costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive; non ancora costituite, a condizione che vengano costituite entro 90 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.

associazioni professionali e società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive

Le domande con nuovi criteri sono presentate a partire dal 22 febbraio 2021 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

FONTE
https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/creiamo-nuove-aziende/nuovo-selfiemployment