Technology Forum Campania: innovazione e ricerca al Sud, ecco le prossime sfide - Ecorei

Technology Forum Campania: innovazione e ricerca al Sud, ecco le prossime sfide

Ieri e oggi si è tenuta a Napoli la sesta edizione del Technology Forum Campania, piattaforma di discussione e confronto realizzata da Regione Campania e The European House – Ambrosetti ed occasione di confronto tra gli attori pubblici e privati, che mette al centro il contributo dell’innovazione e della ricerca per il rilancio della Campania e di tutto il Mezzogiorno.
L’iniziativa si è aperta con una sessione di anteprima il 30 novembre sul tema della mobilità del futuro e l’incontro tra domanda e offerta di innovazione e si è chiuso il 1° dicembre con un dibattito sull’ecosistema della ricerca e dell’innovazione in Campania e la presentazione del Position Paper “La Campania verso il futuro: le risposte dell’ecosistema alle sfide della ricerca e dell’innovazione”, contenente gli indirizzi di sviluppo del territorio e le relative azioni e policy attuative, con approfondimenti su Scienze della Vita, Aerospazio, Agritech ed Economia Circolare.
“Nel Position Paper di quest’anno sono stati approfonditi 4 cantieri tematici nei quali la Campania ha avviato progetti-bandiera trasformativi: scienze della vita, quantum technologies, mobilità sostenibile, agritech e sostenibilità – ha affermato Valerio De Molli, Managing Partner & CEO di The European House – Ambrosetti, presentando le principali risultanze del Position Paper -. Il PNRR può rappresentare un’opportunità senza precedenti per sviluppare le filiere strategiche della Campania e i progetti bandiera: abbiamo sviluppato un modello per valutare gli impatti strutturali del PNRR sulla crescita della Campania. Tali impatti potranno incidere sulla crescita della Regione Campania per un prolungato orizzonte temporale con un aumento duraturo del tasso di crescita medio del PIL della Campania: assumendo che questo effetto vada a ridursi in un decennio, al 2036 il differenziale di PIL sarebbe del +16,1%. […]

Tags

VALUE LAB

Il Value lab – accompagnamento e servizi per startup e imprese innovative è una struttura dedicata agli attori dell’ecosistema regionale della ricerca e dell’innovazione che eroga servizi a imprese, startup innovative, PMI e innovatori


Ieri e oggi si è tenuta a Napoli la sesta edizione del Technology Forum Campania, piattaforma di discussione e confronto realizzata da Regione Campania e The European House – Ambrosetti ed occasione di confronto tra gli attori pubblici e privati, che mette al centro il contributo dell’innovazione e della ricerca per il rilancio della Campania e di tutto il Mezzogiorno.
L’iniziativa si è aperta con una sessione di anteprima il 30 novembre sul tema della mobilità del futuro e l’incontro tra domanda e offerta di innovazione e si è chiuso il 1° dicembre con un dibattito sull’ecosistema della ricerca e dell’innovazione in Campania e la presentazione del Position Paper “La Campania verso il futuro: le risposte dell’ecosistema alle sfide della ricerca e dell’innovazione”, contenente gli indirizzi di sviluppo del territorio e le relative azioni e policy attuative, con approfondimenti su Scienze della Vita, Aerospazio, Agritech ed Economia Circolare.
“Nel Position Paper di quest’anno sono stati approfonditi 4 cantieri tematici nei quali la Campania ha avviato progetti-bandiera trasformativi: scienze della vita, quantum technologies, mobilità sostenibile, agritech e sostenibilità – ha affermato Valerio De Molli, Managing Partner & CEO di The European House – Ambrosetti, presentando le principali risultanze del Position Paper -. Il PNRR può rappresentare un’opportunità senza precedenti per sviluppare le filiere strategiche della Campania e i progetti bandiera: abbiamo sviluppato un modello per valutare gli impatti strutturali del PNRR sulla crescita della Campania. Tali impatti potranno incidere sulla crescita della Regione Campania per un prolungato orizzonte temporale con un aumento duraturo del tasso di crescita medio del PIL della Campania: assumendo che questo effetto vada a ridursi in un decennio, al 2036 il differenziale di PIL sarebbe del +16,1%. […]

LINK UTILI